Archive for the 'Bernhard' Category

Thomas Bernhard, 1963

6 marzo 2011

Quando mi appaiono, tutti quelli che conosco mi sembrano uguali. Anche quel che c’è dentro sembra sempre uguale, a chiunque appartenga. Dentro a tutti c’è la stessa cosa. È questo che mi ripugna.

Basta sentir pronunciare un certo nome e subito ci si ritrae. Ci viene presentato un uomo e subito vien chiusa la pratica che lo riguarda. Quest’uomo in seguito potrà dire ciò che vuole, non riuscirà più a tornar su dalla botola in cui lo abbiamo fatto precipitare, non potrà più uscirne.

Gelo »

Thomas Bernhard, 1991

30 maggio 2008

Si ha bisogno di tutto a tempo debito. Ma ogni volta di qualcosa di diverso. Una cosa ragionevole è andarsene e ritornare in continuazione, è molto importante. Cambiare e la cosa più importante.

Thomas Bernhard

19 dicembre 2006

1947 In aprile Thomas Bernhard interrompe gli studi liceali e inizia a lavorare come apprendista in un negozio di generi alimentari alla periferia di Salisburgo, in uno dei quartieri più poveri della città.

Thomas Bernhard

7 ottobre 2006

Quello che importa è se vogliamo mentire o se vogliamo dire e scrivere la verità, che pure non può mai essere e in effetti non è mai la verità. Per tutta la vita ho sempre voluto dire la verità, anche se ora so che erano menzogne. Alla fin fine quello che importa è soltanto il contenuto di verità della menzogna.

Thomas Bernhard, 1976

10 settembre 2006

Per salvarsi, quelli a cui ci rivolgiamo non credono alle nostre parole, spesso non credono alle cose più ovvie. L’uomo si rifiuta di lasciarsi disturbare da un disturbatore della pubblica quiete.

Per tutta la mia esistenza non ho fatto altro che disturbare. Io ho sempre disturbato e ho sempre irritato. Tutto quello che scrivo, tutto quello che faccio, è disturbo e irritazione. Tutta la mia vita in quanto esistenza non è altro che un continuo irritare e disturbare. Ci sono quelli che lasciano la gente in pace e ci sono altri, tra i quali anch’io, che disturbano e irritano. Io non sono un uomo che lascia in pace la gente, e nemmeno vorrei avere un carattere del genere.