Jean Baudrillard, 2001

20 novembre 2006

Un duplice controsenso: fare della sessualità in sé il riferimento ultimo. Rimossa o manifestata, nel migliore dei casi la sessualità non e’ che un’ipotesi; e in quanto ipotesi non può essere trattata come una verità o un riferimento. La stessa ipotesi sessuale potrebbe non essere che un fantasma. E in ogni modo, è la rimozione della sessualità a conferirle autorità, a circondarla di un’aura di strana attrazione; divenuta palese, perde anche questa sua qualità potenziale. Da qui il controsenso e l’assurdità di passare all’atto, in nome di una liberazione sistematica del sesso: non si libera un’ipotesi. Quanto poi alla dimostrazione del sesso mediante il sesso, che tristezza! Come se non fosse tutta una questione di traslati, di deviazioni, di transfert, di metafore. Tutto è nel filtro della seduzione, nel dirottamento, non nel sesso e nel desiderio, ma nel gioco con il sesso e il desiderio. Ma ciò che in definitiva tutti sognano e’ l’uso sessuale illimitato del corpo. Fine della seduzione, fine del desiderio e persino del godimento; è tutto qui, nelle innumerevoli ripetizioni, in un accumulo ove la quantità diffida sopra ogni altra cosa della qualità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: