Elias Canetti

24 ottobre 2006

Mi diverte se al tavolo accanto degli sconosciu­ti che non mi conoscono affatto mi prendono in giro. Starli a sentire e comprendere ciò che dicono contro di me in una lingua da essi rite­nuta incomprensibile mi rende baldanzoso. Ho come il senso di essere seduto lì nella pelle di un altro, sulla quale essi discettano e danno giudizi. Eppure in cuor mio rimango me stesso e ne avrei da dir loro di cose, cose giuste che li riguardano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: